Legge 04-03-1991, n. 67

Modifiche al regio decreto-legge 27 novembre 1933, n. 1578, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 gennaio 1934, n. 36, e alla legge 24 luglio 1985, n. 406, recanti disposizioni sull’ordinamento delle professioni di avvocato e procuratore

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA
la seguente legge:
Art. 1.
1. Il superamento degli esami di procuratore legale consente l’iscrizione nell’albo dei procuratori legali presso il tribunale nella cui circoscrizione l’interessato risiede, anche se appartenente ad un distretto di corte d’appello diverso da quello presso il quale l’interessato medesimo ha sostenuto l’esame.
2. I procuratori legali e gli avvocati possono chiedere il trasferimento dell’iscrizione all’albo di altra circoscrizione anche di un diverso distretto nella quale intendano fissare la propria
residenza, purche’ non si trovino sospesi dall’esercizio professionale o sottoposti a procedimento penale o a procedimento per l’applicazione di una misura di sicurezza.
3. Il trasferimento non interrompe l’anzianita’ di iscrizione.
Art. 2.
1. Sono abrogati gli articoli 23, 25 e 32 del regio decreto-legge 27 novembre 1933, n. 1578, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 gennaio 1934, n. 36, l’articolo 3, secondo comma, della legge 24 luglio 1985, n. 406, nonche’ ogni altra disposizione incompatibile con la presente legge.
Art. 3.
1. La presente legge entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi’ 4 marzo 1991
COSSIGA
ANDREOTTI, Presidente del Consiglio
dei Ministri
Visto, il Guardasigilli: MARTELLI

The following two tabs change content below.

Commenti chiusi